Digital PR: dalle public relation alle person relation

36356843_s

Dalle public relation alle person relation: Ti affascina il mondo delle pubbliche relazioni? Desideri comprendere cosa significa fare PR? Vuoi conoscere quali sono le evoluzioni e le sfumature di questa professione? Sei nel posto giusto: oggi ti riporto un breve speech dedicato a questo nuovo profilo professionale. Are you ready? Go!

“Vado in giro, faccio cose, vedo gente” è la battuta di “Ecce Bombo” (film di Nanni Moretti di fine anni’ 70) che mi torna in mente, tutte quelle volte in cui mi domandano che “Lavoro fai?.. PR che?”. Si, preparati perché sarà la frase che sentirai più spesso quando inizierai quest’ attività sopratutto da coloro che non hanno chiaro il significato.. non sai quante volte!

PR: Le Public Relation di una volta

Dimenticati LA PR (o il PR) che incontri a Riccione, in viale Ceccarini, o in discoteca il Venerdì sera alle liste… Caro PR da discoteca sicuramente ti impegni duramente nel tuo lavoro nella settimana, per portare più persone in disco ma abbiamo davvero poco in comune. Non volermene male, ma sappiamo entrambi qual’è la differenza!.. Il PR, quello che penso io insomma quello di una volta, non è altro che colui che orchestra tutta la comunicazione aziendale in modo da diffondere una buona (se non ottima) reputazione del proprio cliente. E’ capace di attirare più persone con iniziative ad hoc. E’ in grado di gestire stress, imprevisti e situazioni critiche in ogni momento (giorno, notte, natale, pasqua, santo stefano ecc). Sa’ di avere in mano una grande responsabilità, accompagnata da budget sostanziosi (il cliente che attiva un PR solitamente mette a disposizione un buon budget perché ne conosce il valore!).

In questo caso si parla di messaggi rivolti a un target specifico. Dove per target si intende il destinatario della messaggio (interno: dipendenti, dirigenti.. esterno: clienti, istituzioni locali, i media..). E’ possibile vedere questo agire, grazie ai numerosi strumenti di cui è composta l’ orchestra, come un cercar consenso promuovendo messaggi.

Pubbliche Relazioni sono lo sforzo deliberato e continuativo di stabilire e mantenere una reciproca comprensione tra un’organizzazione e il suo pubblico – Stuart Turner in “Pubbliche relazioni” Edizioni Armenia, Milano 1987 (da wikipedia).

Le pubbliche relazioni sono sempre esistite. In qualche modo sono stati e sono strumenti di relazioni pubbliche i salotti letterari, le società artistiche, i circoli culturali come il Circolo delle Dame Colte sorto a Napoli in epoca napoleonica – Carlo Maiello in “L’arte di comunicare. Relazioni pubbliche” Edizioni Franco Angeli 1961 (da wikipedia).

Le attività di Pubbliche Relazioni diffondono messaggi e cercano consenso. Durante la mia tesi di laurea triennale mi sono imbattuta nella propaganda.. ma questo è un altro paio di maniche! 😉

Dalle public relation alle person relation

A causa di messaggi unidirezionali, i target iniziano a mostrare una nuova tendenza: Noi abbiamo una voce!

Stanchi di essere il mirino di tanti messaggi unidirezionali, i consumatori scelgono di cambiare rotta. “Siamo noi che.. è grazie a noi se il brand.. ” ed ecco apparire un compromesso:

Caro Brand,

cerchi sempre la mia attenzione ma se non mi ascolti come puoi pensare di convincermi?”

Queste righe potrebbero racchiudere la nuova filosofia, in una versione davvero magra, di quanto le cose siano cambiate nel settore e di conseguenza per i suoi addetti.. Public Relator compresi! A questo aggiungiamo l’esponenziale potere del Web, che via via è divenuto sempre più importante grazie ai luoghi di conversazione e aggregazione come blog generalisti e di settore, portali tematici, i forum e… i socialnetwork vera croce e delizia per i PR.

Ecco sintetizzato il cambiamento: il semplice addetto delle pubbliche relazioni si è trasformato nell’architetto digitale capace di sviluppare le relazioni ritrovandole nei momenti di incontro dal vivo. 

Un buon Digital Pr è un professional networker in grado di:

  • sviluppare i giusti contatti
  • governare le relazioni

È abituato a surfare tra online e offline, e a non trasformare il web in una barriera dietro la quale nascondersi.

È un surfista della rete che atterra, ben riconoscibile, agli eventi di networking per nutrire e dare spessore alla rete di relazione, ampliarla. Sfrondarla, se necessario: conoscere una persona dal vivo significa anche capire se ci si piace a pelle, e capire quando una relazione non funziona. – Le nuove professioni del web

Questa è la descrizione delle Digital Pr secondo Le nuove professioni del Web, una descrizione che richiama il cambiamento in essere aggiornandolo con la versione “Digital”. Oramai la maggior parte delle conversazioni avviene sul diario della Fanpage e tra un cinguettio e l’altro, il lato Digital entra prepotente ancora una volta.

Insomma, è facile comprendere che non si parla più target ma di persone con le quali instaurare vere relazioni. Il web è una porta aperta sulla bocca di tutti: credi che fioccano solo complimenti o che tutti son così desiderosi di collaborare con te Brand?

In conclusione..

Valutando a posteriori i progetti in cui son stata responsabile delle Digital Pr, ti dico che non è sempre così: vi son influencer che non curano il proprio blog e ricercano a tutti i costi prodotti omaggio mentre altri rispondono gentilmente, anche se devono declinare l’invito, mostrandoti la loro passione per il blogging. Ogni influencer cerca il suo posto nel web, il come è una scelta sua, scelta di chi fa questo mestiere, invece, è sviluppare abilmente relazioni con chi possiede vero interesse nelle iniziative e valori del brand XY.

A mio parere non si tratta di un semplice invio della cartella stampa, attività che spesso vien richieste alle Digital Pr, ma un continuare a portare avanti una relazione nata da un primo contatto (esempio da una mail.. ricorda che il tono di voce fa la differenza!) e mantenuta tale nell’evento dal vivo.

Spero di averti reso più chiaro questo affascinante mestiere: sei ancora interessato a far parte della squadra oppure aggiungeresti qualche appunto? Raccontamelo nei commenti! 🙂

Una risposta a “Digital PR: dalle public relation alle person relation”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *