Gamma Forum: arriva a Milano l’innovazione femminile il 10 Novembre

Arriva a Milano il Gamma Forum, alla sua 8° edizione porta una ventata di innovazione femminile e giovanile nel distretto startuppero per eccellenza. Scopri nel dettaglio tutto il programma di Gamma Forum e i casi reali di innovazione femminile che saranno presentati durante la giornata del 10 Novembre presso la sede del Sole 24 Ore.


Felice di essere fra le percentuali di donne che lavorano, di quelle donne che non attendono di essere salvate, di quelle donne che si mettono in gioco (abbracciando il cambiamento) in attività in proprio al 100% come descrivevo nell’anticipo in “Mamma voglio fare la startupper con Gamma Forum!“.
Siamo in diverse ad aver fatto scelte simili, ma ancora tanto c’è da fare, scopri altri casi d’innovazione femminile presenti domani al GAMMA FORUM a Milano.

GAMMA FORUM: casi reali di innovazione femminile

Non solo parole al Gamma Forum di Giovedì di 10 Novembre in Via Monterosa, anche tanti casi reali di innovazione femminile. Come esprimere al meglio il concetto di innovazione, se non con progetti ambasciatori dell’Open Innovation? Ecco i 5 case che saranno presentati durante la giornata innovativa.

vincitrice1Cristina Angelillo A.D. Marshmallow Games Srl (www.marshmallow-­‐games.com) – BARI
Società che crea app educative che stimolano l’apprendimento di materie scolastiche, mescolando contenuti editoriali e gioco.
Marshmallow Games fonde tradizione e innovazione portando la didattica in una nuova dimensioni, Ciò che facciamo è sfruttare la naturale predisposizione dei più piccoli. nei confronti delle nuove tecnologie per utilizzarle a loro favore. Proponiamo percorsi didattici per rendere divertenti anche quelle materie ritenute “noiose”, come ad esempio la matematica. La nostra prima linea di app si chiama Math tales e ha superato i 40.000 download in Italia senza investimenti in marketing. Grazie a questi risultati siamo entrati nel percorso di accelerazione TIM #WCAP 2015 nella sede di Milano.

vincitrice2 Giulia Baccarin, CEO MIPU (www.mipu.eu) SALÒ (BS)
MIPU Accelerator è un incubatore di startup tecnologiche con una forte impronta internazionale. Investiamo solo in startup sostenibili che abbiano un impatto positivo in termini ambientali e socio ‐ economici. MIPU si prefigge l’obiettivo di combattere il fenomeno dei “cervelli in fuga”, creandouno spazio dove giovani talenti, da noi chiamati“ intrapreneurs”, trovino un luogo dove innovare ed esprimere la propria creatività. Siamo tutti sotto i 35 anni, di diverso genere e nazionalità. La forte spinta innovativa è alimentata da numerose attività di team building e accorgimenti logistici, come il Mipu Garden House, il “giardino dei talenti”. Abbiamo connessioni extraeuropee con l’Australia, Israele, il Giappone, il Congo e la Corea del Sud e puntiamo ad espandere questo network di business nei prossimi anni per costruire solidi canali per investimenti nelle nostre startup.

vincitrice3Carla Delfino, Presidente ScappaTopo Srl (www.imperialeurope.it) ROMA
ScappaTopo® nasce da una semplice filosofia: tutelare l’unico mondo che abbiamo e il nostro futuro. Ne consegue che uccidere ciò che ci dà fastidio NON è la soluzione, specialmente se si tratta di un topo, in grado di sviluppare una forte resistenza ai pesticidi e continuare a riprodursi sempre più forte. ScappaTopo® è un repellente eco-­compatibile, a base di un mix di oli essenziali assorbiti su granuli di mais, che col profumo gradevole allontana i topi senza eliminarli nè inquinare l’ambiente. Un’innovazione, finanziata da Horizon 2020, che ha ottenuto il Seal of Excellence dalla CE, oltre ad aver ricevuto il Cartier Women’s Initiative Award per l’Europa nel 2014, unico caso in Italia.

vincitrice4Alessandra Di Fede, Co ‐ founder Kedea Design s.a.s (www.kedea.it) SOMAGLIA (LO)
Kedea, Software House specializzata nel settore Web Application e grafica digitale, dal 2013 a oggi ha conquistato una fetta di mercato sempre più ampia nell’offerta di soluzioni e servizi per la Pubblica Istruzione, per accompagnare scuole, di ogni ordine e grado, nel processo di dematerializzazione cartacea e di trasformazione digitale. Le nuove normative hanno fatto sì che la comunicazione scuola­‐famiglia divenisse cardine dei nuovi progetti scolastici 2.0 e il nostro prodotto di punta “KeScuola” crescesse in un pacchetto di servizi completo, dal registro elettronico, alle pagelle online, dalla piattaforma e-­‐learning fino all’ App per le famiglie.

vincitrice5Anna Fiscale, Presidente “Progetto QUID” Cooperativa Onlus (www.progettoquid.it) AVESA (VR)
Progetto QUID è il primo marchio di moda etica e sostenibile a km 0 made in Veneto. Frutto associativo di un gruppo di 5 amici con una passione per la moda e un cuore per il sociale, QUID nasce con l’obiettivo di dar vita a prodotti creativi, artigianali, unici, eco-sostenibili e solidali. Il team opera nel recupero di rimanenze di tessuto di aziende italiane e, tramite l’apporto creativo di designer emergenti, crea collezioni dal design unico confezionate amano da donne con un passato di fragilità. Oggi QUID è presente sul mercato con negozi monomarca o tramite i canali distributivi delle aziende partner (Calzedonia, Intimissimi, Tezenis, DEN Store, Altromercato, NaturaSì, Diesel).

vincitrice6 Marianna Poletti, Direttore Just Knock Srl (www.justknock.it) MILANO
Just Knock è la piattaforma online che permette ai giovani talenti di trovare lavoro inviando idee al posto del curriculum, facendo emergere i profili dei candidati tra i numerosi CV che affollano le scrivanie dei manager. La startup nasce con una vision ben precisa: utilizzare il digitale per riportare il focus sull’aspetto umano delle risorse, creando un network che predisponga utenti ed aziende a collaborare e cooperare per innovare insieme. Su Just Knock le aziende possono valutare anzitutto idee e progetti, a vantaggio di una valutazione più oggettiva e meritocratica; solo dopo un primo giudizio, basato sulla qualità del contenuto, è possibile scoprire di più sull’ideatore. Tutte le aziende presenti nel network sono contrattualmente impegnate a rispettare la proprietà dei progetti ricevuti.

Gamma Forum: il premio COMMUNICATION AWARD

Oltre ai migliori progetti selezionati, Gamma Donna riserva il premio Communication Award. Presentato anch’esso il 10 Novembre… and the winner is?

vincitrice7gamma-forumMary Franzese, Marketing & Communication Manager Neuron Guard Srl MODENA (mary.franzese@neuronguard.com) ‐ T 331 2631016
Una Open Innovator è in grado di mettere le proprie esperienze e le conoscenze acquisite al servizio degli altri”.
Inizia esattamente da questo assunto la mia esperienza con Neuron Guard. In occasione di un Master alla SDA Bocconi in Imprenditorialità e Strategia Aziendale, decido di partecipare a un programma di affiancamento a startupper. Conosco così Enrico ed insieme frequentiamo il programma di accelerazione di 3 mesi. Mi divido tra lezioni, redazione del Business Plan e preparazione dei deck per investitori. Sono sempre più affascinata dal mondo dell’innovazione. In questo, Milano aiuta tantissimo chi desidera dare una svolta alla propria “impresa di vita” ed entrare in contatto con un ecosistema in costante cambiamento, florido ed entusiasmante, anche se per certi versi molto rischioso.

Neuron Guard è un caso tangibile di Open Innovation. Grazie ad essa ho infatti la possibilità di entrare in contatto con tantissime persone e di condividere con loro la nostra storia. Da questi racconti nascono continuamente nuove idee, si instaura collaborazione e ci si aiuta affinché l’innovazione di prodotto e di processo possa essere riconosciuta a livello nazionale e internazionale.
Neuron Guard ha sviluppato un dispositivo medico per trattare in loco danni acuti causati da ictus, arresto cardiaco e trauma cranico. Imprimendo una grande svolta nella Medicina d’Emergenza, tra 5 anni la nostra azienda venderà la piattaforma tecnologica a livello internazionale. In tutti i luoghi pubblici ci saranno i nostri kit di emergenza che consentiranno di ridurre significativamente il numero di vittime da arresto cardiaco, trauma cranico ed ictus; ospedali ed enti socio-­sanitari‐assistenziali saranno in grado di razionalizzare i budget annuali mediante l’inserimento del nostro dispositivo medico nelle loro strutture.

La situazione: imprenditoria femminile e giovanile in Italia

(FONTE: UNIONCAMERE -­ 3° RAPP. NAZ. SULL’IMPRENDITORIA FEMMINILE “IMPRESA IN GENERE” -­ GIUGNO 2016)

Più dinamiche, più giovani, più multiculturali. Sono le imprese femminili, che – cresciute tra il 2010 e il 2015 di 35mila unità – rappresentano il 65% dell’incremento complessivo dell’intero tessuto imprenditoriale italiano. Un milione e 312mila imprese (21,7% del totale) che danno lavoro a quasi 3 milioni di persone, crescono più velocemente di quelle maschili, quasi del doppio, e in cui il 14% è guidato da under 35. Una percentuale che ancora una volta supera quella maschile. Forse per questo le imprenditrici sono sempre più innovative: nello stesso quinquennio, le imprese “rosa” legate al mondo digitale sono aumentate del 9,5% contro il +3% del totale e se nel 2010 le startup innovative femminili erano solo il 9,1%, nel 2014 sono diventate il 15,4%.

Un tasso crescente che – secondo Federica Ortalli, Presidente del Comitato IF della Camera di Commercio di Milano – “si spiega senz’altro con un più diffuso supporto pubblico all’iniziativa economica delle donne, che trovano spesso nel fare impresa una risposta alla mancanza di soluzioni occupazionali, oltre che una strategia per conciliare lavoro e famiglia”

A questi dati si sommano quelli relativi alla spinta data all’economia italiana dalle imprese costituite dagli under 35 tout court che rappresentano il 54,1% del saldo complessivo delle imprese italiane. “I giovani hanno il dovere di essere portatori di innovazione – sottolinea Mattia Macellari, Presidente dei Giovani Imprenditori di Assolombarda – Le nostre aziende necessitano di continui stimoli per costruire nuovi vantaggi competitivi e crescere in un mercato sempre più dinamico che non perdona comportamenti non ambiziosi e lungimiranti”.

GAMMA FORUM: IN SINTESI

Il GammaForum sarà una giornata fuori dagli schemi, di confronto, proposte, business networking, in un format “contaminato”, grazie alla collaborazione straordinaria del Cirko Vertigo, che firmerà lo spettacolo di chiusura dell’evento “Sul filo dell’Open Innovation”. “A Milano il lavoro è sempre più declinato al femminile. In una città dove il 65% delle donne tra i 20 e i 64 anni è occupata, iniziative come il GammaForum – ha commentato l’Assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio del Comune di Milano, Cristina Tajani-possono rappresentare un osservatorio privilegiato da cui partire per comprendere come sia cambiato il mondo del lavoro per l’universo femminile.”

QUANDO: Giovedì 10 Novembre 2016

DOVE: Milano, sede del Sole 24 Ore, Via Monte Rosa 91.

CHI: Imprenditrici e imprenditori, manager, professionisti, giovani, associazioni, enti ed istituzioni.

HASHTAG: #GammaForum #OpenYourBusiness

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *