La Porta del Vino a Milano: un mondo da scoprire!

La Porta del Vino, il luogo creato dal Movimento Turismo del Vino
Lombardo per far conoscere al grande pubblico la straordinaria ricchezza e varietà dei vini della Regione. 

La Porta del Vino a Milano

La Porta del Vino ospita da oggi a sabato 10 novembre ALLA SCOPERTA DEL VINO DI MILANO, una settimana di assaggi, degustazioni guidate e incontri di presentazione dei vini prodotti nel territorio milanese.

San Colombano al Lambro, una collina fortemente vocata alla produzione vitivinicola, fa oggi parte a tutti gli effetti della Città Metropolitana di Milano – sottolinea Carlo Pietrasanta, vicepresidente del Movimento Turismo del Vino Lombardo, animatore del progetto LA PORTA DEL VINO e piccolo produttore a San Colombano – e se è vero che parte delle aziende e dei vigneti si
trovano in provincia di Pavia, possiamo comunque affermare di essere davvero il vino di Milano.”

Claudio Maspes – formatore e Direttore dei Corsi ASPI per Milano e Provincia e responsabile delle degustazioni de La Porta del Vino – approfondisce e sostiene questa affermazione: “San Colombano è storicamente legata a Milano, oltre ad essere ben documentata come luogo di produzione di ottimi vini da tanti secoli. Nel ‘500, i vini più presenti e diffusi a Milano erano quelli di San Colombano e della Valtellina. Anche perché la produzione di un’altra grande zona lombarda, l’Oltrepò pavese, guardava più a ovest, verso il Piemonte.”

Sulla vocazione di questa collina alla produzione di qualità ritorna Antonio Panigada, produttore in San Colombano con il suo Banino: “C’è anche un motivo geologico: la collina di San Colombano si è formata in conseguenza di uno ‘scontro’ tra gli Appennini e le Alpi, e in questa corrugazione il
sottosuolo della collina è ricco di terreni profondi e non di roccia: questo permette la presenza di acqua in profondità, cui le radici delle viti possono attingere in ogni caso. Così qui possono prosperare uve molto versatili come Croatina e Barbera. Per questo, qui è molto limitata la presenza di vitigni internazionali che altrove hanno preso molto piede”.

“Per questo motivo San Colombano ha alcune specificità enologiche – riprende Claudio Maspes – vale a dire innanzitutto la produzione di vini rossi frizzanti, che è tipica di alcune zone limitrofe come l’Oltrepò, il Piacentino e il Parmense (con l’eccezione del Lambrusco); e in secondo luogo un
vitigno assolutamente specifico come la Verdea, originario proprio di San Colombano. Ma vedremo proprio in questa settimana che si ottengono risultati interessanti e di valore anche con i vini rossi da affinamento e con altre tipologie”.

Saranno quindi giornate di scoperta, o di riscoperta, di vini piacevoli, interessanti e anche in alcuni casi importanti: LA PORTA DEL VINO inizia così la nuova stagione di attività di divulgazione del patrimonio enologico lombardo e anche di fuori regione, e lo fa con grande ambizione: “Siamo molto contenti dell’attenzione e della collaborazione avviata con alcune associazioni del mondo del vino come ASPI e ONAV, e FISAR Milano Duomo. Speriamo che quanto presentiamo susciti l’interesse degli appassionati e dei professionisti del vino. Ma soprattutto siamo molto onorati della partnership con ABS Wine & Spirits, organizzatore e produttore di una manifestazione come
Bottiglie Aperte, che ha saputo affermarsi come molto importante per il mercato milanese: crediamo che sinergie e gioco di squadra siano oggi il modo migliore per affrontare le significative scommesse del mercato del vino innanzitutto in questa città, ma non solo” conclude Carlo
Pietrasanta.

IL CALENDARIO

  • Lunedì 5 Novembre
    ore 11.30 APERTURA UFFICIALE E CONFERENZA STAMPA
    ore 15.30 – 19.30 Banco d’assaggio riservato agli operatori del settore HORECA
  • Martedì 6 Novembre
    ore 15.30 – 18 Banco d’assaggio riservato agli operatori del settore HORECA
    ore 18.30 – 21.30 Banco d’assaggio aperto al pubblico
    ore 19 Degustazione guidata – Le bollicine che non ti aspetti
  • Mercoledì 7 Novembre
    ore 15.30 – 18 Banco d’assaggio riservato agli operatori del settore HORECA
    ore 18.30 – 21.30 Banco d’assaggio aperto al pubblico
    ore 19 Degustazione guidata – Un vino nato qui, solo nostro
  • Giovedì 8 Novembre
    ore 15.30 – 18 Banco d’assaggio riservato agli operatori del settore HORECA
    ore 18.30 – 21.30 Banco d’assaggio aperto al pubblico
    ore 19 Degustazione guidata – Vivace per tutti i giorni
  • Venerdì 9 Novembre
    ore 15.30 – 18 Banco d’assaggio riservato agli operatori del settore HORECA
    ore 18.30 – 21.30 Banco d’assaggio aperto al pubblico
    ore 19.30 Degustazione guidata – Superato l’esame di maturità
  • Sabato 10 Novembre
    ore 15.30 – 18 Banco d’assaggio riservato agli operatori del settore HORECA
    ore 18.30 – 21.30 Banco d’assaggio aperto al pubblico
    ore 20 Degustazione a tema – Dolce con dolce

Il banco di assaggio per il pubblico ha un costo di 15 euro a persona, compreso piattino di salumi e formaggi in accompagnamento.
Per gli appartenenti alle Associazioni del mondo del vino il costo è di 10 Euro.
Le degustazioni guidate non hanno costo supplementare e sono riservate ai primi 15 prenotati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *